Concreta Lifestyle

Proposte differenti per interpretare concezioni diverse dell’abitare

< Indietro

Giornata Mondiale della Pizza – il cibo italiano più amato

Giornata mondiale della pizza

Ebbene si, il 17 gennaio è la Giornata Mondiale della Pizza che dal 2017 è stata insignita del titolo ufficiale di Patrimonio dell’Umanità dal comitato per la Salvaguardia Culturale Immateriale Unesco.
Il piatto simbolo della gastronomia italiana è uno dei cibi più amati e diffusi in tutto il mondo: in Italia se ne sfornano circa 8 milioni al giorno! Le farciture preferite dagli italiani sono quelle classiche e intramontabili come Margherita, Napoletana, Marinara e Capricciosa; ma forse non tutti sanno quando e come è nato il famoso disco farcito. Scopriamolo insieme!

Come è nata la pizza?

Uno dei cibi più antichi (le prime testimonianze risalgono addirittura al Neolitico) è il pane. Nel corso dei secoli e in diverse regioni del mediterraneo, dalla Grecia alla Sardegna, si trovano diverse rielaborazioni del pane: gli antichi greci, per esempio, preparavano un pane appiattito, chiamato πλακοῦς (plakous) mentre secondo gli studiosi i Sardi conoscevano già 3.000 anni fa l’utilizzo del lievito. Ma la vera e originale combinazione di pasta e pomodoro, che creò non poca diffidenza all’inizio, risale alla metà del ‘700 nel Regno di Napoli.
Ci è voluto poco tempo per passare dalla diffidenza iniziale al successo di questa nuova creazione gastronomica partenopea: la pizza ha conquistato proprio tutti, dai ceti più poveri alla corte dei sovrani Borboni, fino ad arrivare ai reali di casa Savoia. È proprio in onore della Regina Margherita di Savoia che nel 1889 il pizzaiolo Raffaele Esposito, della pizzeria Brandi di Napoli, crea il mito intramontabile della “Pizza Margherita”!
Un vero e proprio vessillo gastronomico tricolore: il bianco della mozzarella, il rosso del pomodoro e il verde del basilico.
Fino ai primi del ‘900 la pizza e le pizzerie rimasero una particolarità solo napoletana e solo dopo, gradualmente iniziarono a diffondersi su tutto il territorio italiano. Gli italiani che emigrarono hanno fatto il resto, portando la pizza in tutto il mondo.

Giornata mondiale della pizza

Alcune curiosità che non sai sulla pizza:

Perché la pizza piace proprio a tutti?
La composizione e gli ingredienti combinati insieme sono un concentrato di sostanze che stimolano non solo il gusto ma anche numerosi centro del piacere. Bisogna ammettere che l’unione di carboidrati, pomodoro, fiordilatte e altri ingredienti è senza dubbio ECCEZIONALE!

L’ Effetto pizza
In sociologia è chiamato Effetto Pizza un fenomeno locale che prima ha successo all’estero (ed è invece ignorato nel paese d’origine) e che solo dopo torna alla ribalta anche nel luogo di origine.

La pizza in America
Secondo i dati statistici USA la pizza preferita dagli americani è la ormai famosissima Pizza Pepperoni. Ma non lasciatevi confondere dal nome, in realtà non è condita con gli ortaggi, bensì con salame piccante (il nome Pepperoni era proprio di questo particolare salume rossastro).
È per questo che in America la pizza viene disegnata con i pallini rossi (le fette del salame).

La pizza stampata in 3D
La NASA ha finanziato la creazione un robot, chiamato BeeHex, per stampare alimenti 3D e accompagnare gli astronauti nello spazio. La pizza è uno dei primi alimenti stampati e sicuramente volerà con gli astronauti nella loro prossima missione su Marte.

Prima di Google c’era la pizza
Uno degli inventori di Google, Sergey Brin prima di mettersi a creare il più famoso motore di ricerca del mondo ha provato a mettere in piedi il primo servizio di pizza domicilio ordinata via fax. Per fortuna è stato un vero e proprio fallimento!

La pizza più Lunga del Mondo
A chi poteva appartenere questo Guinness se non agli italiani? Il paese inventore della pizza nel 2015 ha presentato una pizza di quasi 1.600 metri e circa 5 tonnellate di peso.
5 forni, 200 volontari, 80 componenti della Nazionale Italiana Pizzaioli, 40 persone addette allo spostamento dei forni e 3 minuti per ogni singolo metro di pizza.
W L’ITALIA!

A noi è venuta l’acquolina in bocca! Ci vorrebbe proprio una bella pizza adesso 😉
Abbiamo quindi deciso di regalarvi la ricetta (firmata Chef Cuokka) per realizzare una pizza casalinga perfetta nella vostra cucina di casa e celebrare così la Giornata Mondiale della Pizza.
Buona pizza a tutti!

Giornata mondiale della pizza

PIZZA BUONISSIMA FATTA IN CASA

Ingredienti per 3 / 4 panetti di pasta per la pizza:
• 450 gr di farina
• 250 ml di acqua
• 12 gr di sale
• 1 gr di lievito di birra

Ingredienti per la farcitura classica margherita
• 400 gr di pomodori pelati
• circa 300 gr di mozzarella perfettamente sgocciolata
• basilico fresco
• olio extravergine
• sale

1) Misurare l’acqua in una ciotola e prelevarne una piccola quantità in due tazzine differenti: in una sciogliere il sale, nell’altra il lievito di birra.

2) Versare l’acqua in una ciotola più grande e aggiungere il bicchierino con il lievito di birra.

Giornata mondiale della pizza

3) Iniziare ad aggiungere gradualmente e lentamente la farina setacciata a parte, incorporandola man mano all’acqua poi finita la farina aggiungere il sale sciolto in acqua.

4) Amalgamare fino a raggiungere il “punto di pasta”. Il disciplinare dice che questa fase deve durare 10 minuti circa.

Giornata mondiale della pizza

5) Ribaltare sul piano da lavoro e lavorare 20 minuti. Non sottovalutare questo tempo: è estremamente necessario per ottenere un impasto non appiccicoso, morbido ed elastico e una pizza soffice e asciutta. Piegare e schiacciare ripetutamente, poi all’avvicinarsi dei 20 minuti l’impasto diventerà morbido e sempre più cedevole e infine avrà un aspetto setoso.

6) A questo punto riporlo in una ciotola di vetro o porcellana, coprire con pellicola e lasciar lievitare per 2 ore.

Giornata mondiale della pizza

7) Trascorse 2 ore procedere con lo staglio a mano. Il disciplinare consiglia di ottenere dei panetti da un peso compreso tra i 180 e 250 gr (a me ne sono venuti 3 da 240 gr).

8) Riporli su un telo non infarinato e lasciar lievitare per altre 4/6 ore a una temperatura di 25°C.

Giornata mondiale della pizza

9) Quasi alla fine della lievitazione procedere con la preparazione della farcia:
frullare i pomodori pelati con un frullatore a immersione, aggiungere sale, qualche foglia di basilico e un filo d’olio. Girate bene per amalgamare il tutto. Tagliate la mozzarella, strizzatela in uno strofinaccio (ancora meglio farla sgocciolate la sera prima) per evitare l’acqua sulla pizza durante la cottura e ponete da parte.

10) Una volta che i panetti sono lievitati stenderne uno alla volta su un ripiano, stavolta va bene anche il legno, spolverato con farina di semola, senza usare il mattarello ma allargandolo con le mani, dal centro verso il bordo.

Giornata mondiale della pizza

11) Prelevare lo stampo dal forno, trasferite il disco di pizza, senza oliare… Ora lo potete condire.

12) La pizza va cotta in forno caldo a 220 gradi per 20 minuti circa.
Il trucco per una margherita con i fiocchi? Aggiungere la mozzarella a metà cottura 😉

Buona Giornata Mondiale della Pizza 2020 a tutti!

Giornata mondiale della pizza